Milik senza rimpianti: “A Marsiglia vivo meglio, a Napoli dopo un po'…”

0 19

(Photo by Alex Livesey/Getty Images)

‘);
var parserUA = new UAParser();
var resultUA = parserUA.getResult();
var device = resultUA.device.type;
}

È da una settimana terminata una delle stagioni più anomale e difficili da quando è iniziato il calcio. Il Covid-19 ha nettamente influenzato gare e prestazioni, l’assenza dei tifosi ha ribaltato molte situazioni di campo ed azzerato il fattore “casa” nella maggior parte delle circostanze. I mercati sono rimasti bloccati, gli stipendi sono stati pagati in modo irregolare. Molti sono andati in grossa difficoltà e ci saranno altri strascichi. Nel frattempo però ci saranno da giocare gli Europei, in cui l’Italia potrà giocarsi le sue carte. Una delle possibili avversarie degli Azzurri (se supereranno il girone) sarà la Polonia di Milik e Zielinski, una delle squadre più talentuose della competizione.

Milik: “Napoli mi aveva stancato, i tifosi ti assalivano!”

Milik Marsiglia
(Photo by Jonathan Bartolozzi/Olympique de Marseille via Getty Images)

 

 

Arek Milik, ex attaccante del Napoli, ha rilasciato un’intervista ad una radio polacca:

“Non voglio paragonare Marsiglia a Napoli, sono due città totalmente differenti: sicuramente entrambe molto belle, e sicuramente Marsiglia è molto più tranquilla rispetto a Napoli. Non nascondo che Marsiglia mi sta dando la possibilità di riposare da ciò che ho fatto a Napoli: lì venivo continuamente fermato per strada dai tifosi. Vivere a Marsiglia è più facile. A volte posso andare a prendermi un caffé in serenità, mentre a Napoli era impossibile. Da una parte questo è anche piacevole, ma dopo un po’ è stancante e pesante”.

You might also like More from author